3274 visitatori in 24 ore
 226 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Rosetta Sacchi

Rosetta Sacchi

"Gabbiani" - Vincenzo Cardarelli -
Non so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace.
Io son come loro,
in perpetuo volo.
La vita la sfioro
com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch’essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere
balenando in ... (continua)


La sua poesia preferita:
Bacio che sopporti il peso
Bacio che sopporti il peso
del suo silenzio e dei miei pensieri
che spogli l’attesa e rendi eterno
l’attimo smarrito nel tuo corpo

Bacio che sopporti il...  leggi...

Nell'albo d'oro:
A novembre
Tiepida l’aria dissolve la bruma
del primo mattino
e odora di resina il bosco
tra il brusìo di foglie d’oro screziate.
Filtrano i raggi i rami sul capo
dischiudono il frutto i ricci
sventrati qua e là nel sentiero
ingemmano le siepi...  leggi...

Il senso di un sommerso infinito
Due parole sulla tua bocca
fanno il clamore d'una folla
uno stormo in un grido
l’immensità che sconfina
- oltre gli occhi -

dove tanti cercano quiete
o strani tesori
o soluzioni a una vita molesta
dove tanti si perdono
o muoiono...  leggi...

Dillo alla luna
T’ho preso per mano ad ogn'istante
sulla pietra levigata e sul selciato
ad ogni ora del giorno fino a sera
la nostra sera silenziosa e mesta

E passo dopo passo sulla riva
persi dentro languide carezze
tra gli scogli ci siam prestati gli...  leggi...

E t’amo, in mille forme t’amo
Tra le acque fluttuano i miei sensi
onde mi plasmano sinuose
onde cercano i pendii
e il suono del silenzio
amalgama i pensieri
e l’eco di sillabe confuse
si perpetua nell’amore
che mi sfiora
m’attraversa
si posa

Tra i cieli si smarriscono i...  leggi...

La via difficile dell’amore
La via difficile non ti dirotta altrove
se l’obiettivo nella mente è chiaro,
è un’idea questa forgiata su misura
quasi un progetto studiato ad arte pare
- e tu la segui ovunque ti trasporti -

Ma a pensarci bene, è all’Amore
che s’applica la regola...  leggi...

Sirà
Era profumo di zagara nel sole
sulla sponda d’un sorriso
mentre le costeggiava
le labbra ad occhi chiusi,
d’una carezza era fatto il vento
e di petali il velo a riparo dei suoi seni
dalle sue mani evanescenti,
lontane, ma calde e deliranti.

Era...  leggi...

Donna
Se potessi nascere di nuovo
sarei ancora donna
più di quanto io sono
Ti lascerei la rabbia
la superbia
la maledetta tua ostinazione
Ti lascerei godere dei tuoi vizi
Ti lascerei alla tua disperazione
A me basta dei modi la grazia
la...  leggi...

E’ notte, la notte di segrete meraviglie
Dall’unghia alla radice ti conosco
per l’incavo del palmo m’incammino
fino al polso dove ogni battito
ha il ritmo della corsa
Esile tronco conduce alla tua spalla
nuda dove riposa l’estasi del viso
Più su, il tuo alito scompiglia la selva
dei...  leggi...

Quando rumore fai nei miei pensieri
Quanto rumore fai
nei miei pensieri
nelle notti bianche
e silenziose
Più del vento
che s'abbatte
alle finestre
e le radici
sventra dalla terra
più dell'onda
che solleva i fianchi
e lascia la saliva
sulla sabbia
Più...  leggi...

Divaricata nel buio
Divaricata nel buio
la tua bocca mi vizia

Freme il velluto
al tocco lieve
delle mani

Come lingua...  leggi...

Sarò folle d'una follia che ama i sensi
Sarò folle
D'una follia che ama i sensi
E il disperdersi nel vento
Con le foglie e i respiri
E la macchia d'inchiostro nel cielo
Sarò folle
D'una follia che ama i rischi
D'un'avventura nello spazio
Che non è nostro e non...  leggi...

Respirami
Respirami come in una nuvola
gli occhi celati dietro i miei occhi
nel volo ebbrezza per la piuma
che sfiora il cielo ignara
di brevità di vita
Il sogno ci solleva dallo scoglio
sgretolandosi con l’onda
e ridiscende a lambire
le tracce...  leggi...

Sono poeta del nulla e del tuo universo
Sono poeta del nulla
Con gli occhi al cielo
Come i convolvoli
Alle pareti d’un muro
Tu l’universo
Io il letargo del cuore
Sono poeta delle bacche
Che crescono sui rovi
Io presagio oscuro
Di upupe e assioli
Tu tenera nitidezza
Di primule e...  leggi...

Taci
Taci
non odi voci
baci come
sussurri caldi
in fondo al cuore
moti assurdi
e lenti
audaci
Poche parole
afferri
e tra le mani
il vento
e nei capelli
il sole
Taci
osa parole
dove
muta il silenzio
e dove
la mente stanca
giace
ad afferrar...  leggi...

Il tuo nome
È fuoco nella gola
Sazietà che invade
L'anima nota
Che riempie il vuoto,
Il tuo nome,
Sillabato lento
Tempo che scende
In una clessidra
Taciuto tra le lenzuola
Ripetuto fino al cadere
Delle palpebre sugli occhi
Sussurrato tra le...  leggi...

Questo silenzio
Questo silenzio troppo a lungo dura
Il sogno è incubo è embrione di paura
Cammino piano lungo sentieri assolati
Gridano uccelli nel cupo del fogliame
Un dì era canto melodioso ed ora
La mente è stanca, brama solo...  leggi...

Se potessi prendere la luna
Adagio o andante
ritmo rubato
ad ore di silenzio
nenia che muore
in uno specchio
d’acqua con la luna
alta nel cielo
tessitura di sogni
su desideri deviati
convogliati altrove
perché io possa ritrovare
intatto il tuo profilo
dove il...  leggi...

Se c'è un senso nelle cose
Se c’è un senso nelle cose,
forse ha un senso
trovarti in piedi sulla soglia
ora che le nuvole convogli
perché torni il sereno
sull’onda dei miei giorni.
Ed ha un senso anche se non vedo
il tuo profilo fermo nella luce
né...  leggi...

Lacerata vela
Mi trafiggi
lacerata vela
angoscia
mascherata
nel pianto
mentre il mare
si tinge di sangue
e sotto la luce
d’un...  leggi...

Di che amore sai
Di che amore sai...
Di quello che si nutre di parole
che smarrisce nel vento le promesse
di quello che riscalda il cuore
che illude e disillude
di quello disperato o che non chiede
e si concede sempre generoso
Amore sai di vento, di tempesta
del...  leggi...

E piovve manna da te
Piovve manna da te
ed io saziai
ogni mia interminabile
fame passata
straripò il torrente
e nell’impeto della corsa
fino al mare
portò via con sé pelle
e cellule e sangue
e nel respiro crescente
calmò la furia
della...  leggi...

Era di luglio
Era di luglio
nel cielo spettinato
frange di nubi
celavano la luce
La mente era un setaccio
filtrava mille pensieri
ma tu eri sempre lì
minaccia di tempesta
incognita improvvisa
La calura estiva
mi toglieva il respiro
a te strappava la...  leggi...

Rosetta Sacchi

Rosetta Sacchi
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Bacio che sopporti il peso (28/09/2014)

La prima poesia pubblicata:
 
Taci (06/07/2011)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Fragilità (22/09/2019)

Rosetta Sacchi vi consiglia:
 Brindiamo, la vita è breve (18/07/2013)
 Così il tuo nome (01/09/2013)
 Dentro la solitudine della folla (06/06/2013)
 Voglio entrare nella tua impronta (04/09/2013)
 Vado a zonzo (21/07/2012)

La poesia più letta:
 
Io ti darei di più (24/02/2013, 20879 letture)

Rosetta Sacchi ha 22 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Rosetta Sacchi!

Leggi i 1110 commenti di Rosetta Sacchi


Leggi i racconti di Rosetta Sacchi

Le raccolte di poesie di Rosetta Sacchi

Rosetta Sacchi su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Autore della settimana
 settimana dal 23/07/2018 al 29/07/2018.
 settimana dal 14/08/2017 al 20/08/2017.
 settimana dal 31/10/2016 al 06/11/2016.
 settimana dal 11/01/2016 al 17/01/2016.
 settimana dal 23/03/2015 al 29/03/2015.

Autore del mese
 il mese 01/12/2017

Seguici su:



Cerca la poesia:



Rosetta Sacchi in rete:
Invia un messaggio privato a Rosetta Sacchi.


Rosetta Sacchi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Ruth

Biografie e Diari

Sono giorni che mi sveglio con questo nome in testa. Ruth. Solo un nome, non ha viso, occhi, orecchie, non ha un sorriso particolare, non ha un corpo. O forse sì ma non mi sono mai domandata se sia esile o robusto, longilineo o no. Si può perdere traccia di una persona mai incontrata? Si può pensare esistente una persona mai conosciuta?

Due settimane fa, nei miei soliti giri fuori dal paese collinare dove vivo o meglio sopravvivo a sentimenti di invidia o gelosia o più in generale di cattiveria umana, anzi per la precisione ad una trentina di chilometri dal mio paese, mentre ero a fare spese, mi sono accorta di questa strana presenza. Cominciai mentalmente a chiamarla così: Ruth. Non arrivò cenno di disapprovazione.

Il mio nome è troppo lungo ed anche nella versione “ Rosy” mai autorizzata, decisa forse da un singolo e affibbiatomi poi dalla folla, con quel prolungato sostare sulla “ o” lo rende un nome più lungo di quanto in realtà non lo sia. “ Rooosy” . Oltretutto, lo storpia pure.

Ruth invece è uno schiaffo, un punto, uno stop.

Un nome corto che a pronunciarlo non richiede alcuno sforzo, che era nato così senza che ci avessi pensato più di un istante.

Forse distratta, forse soprappensiero, le labbra pronunciarono quel nome in modo interrogativo. Ruth?

E lei: si?

Ci siamo ritrovate a fare la strada insieme ad entrare nei negozi guardando di sfuggita le vetrine a sostare su una panchina, ad osservare i passanti, lamentarci per il caldo, a ricordare il passato. Un passato però a lei sconosciuto. Al tavolo di un bar o al ristorante, io finalmente in ozio con un grande appetito che dopo gli antipasti numerosi e stuzzicanti, già scemava. Era il profumo del mare col rumore della risacca che giungeva fin sopra la terrazza, era l’ odore della terra, dei suoi frutti a saziarmi.

Instancabile, entusiasmata solo da chilometri di strada, senza fare niente di così straordinario, partendo all’ alba e vedendo sorgere il tramonto.

Cosa avevo visto, dove ero stata in uno di quei giorni peregrini… Se me lo avessero domandato, non avrei saputo rispondere.

Forse non ero stata in nessun posto. Non avevo visto nulla che non vedessi tutti i giorni. Ma la vita era con me, mi parlava, mi ascoltava, faceva progetti, sognava e forse mi illudeva e, nel momento in cui me ne rendevo conto, sorridevo.

Sono solo ricordi. E forse questo vortice di pensieri mi schernisce, come a voler dire: vedi, ora hai smesso di vivere…

Ora cammino con passo svelto. Sempre indaffarata con tante cose a cui pensare. Le mie sortite sono sempre legate a delle incombenze. Con i soliti panni addosso. Nell’ armadio ci sono vestiti che non ho mai indossato, vestiti che mi vanno stretti, altri che avrei sfoggiato una ipotetica sera in una mia ipotetica storia di una ipotetica vita diversa.

Ma ora mi siedo dove capita, sistemo alla meglio le buste della spesa, sudo alla minima fatica.

E Ruth non mi guarda, a lei non interessano i miei abiti e pensa alla stessa mia maniera che fra la gente è meglio passare inosservata.

Niente vestiti appariscenti, niente rossetto, rimmel, ombretto, smalto.

Quanto tempo sprecato dalle donne in cose inutili! Perché ci vuole tempo per addobbarsi con tutto questo bel po’ di cose.

Si, ho detto addobbarsi, volutamente, come si trattasse di un albero di Natale ricco, sontuoso, carico di palle e palline non necessariamente sferiche, di luci e fili d’ argento e oro. E fili di colore rosso. Non può mancare il rosso, almeno per come la penso io. E in tutto questo folklore i bei rami verdi, seppelliti sotto il peso.

Il sole mi brucia le gote e penso alla delicatezza della mia pelle, alla fragilità capillare, alle scarpe chiuse che mi ostino a portare il più a lungo possibile per non dover mettere in mostra quei piedi che per me sono solo piedi, per gli altri oggetto di esame. Unghie senza smalto, l’ alluce leggermente valgo, lo sforzo del passo in discesa che lascia fuoriuscire troppo dalla scarpa la punta del piede, davanti.

Cammino decidendo prima il tempo da dedicare ad ogni cosa. Perché terminate le spese ho solo voglia di tornare a casa.

Una casa dove amo ritornare, dove ho perso molte cose e ne ho conquistate altre, una casa che per tanto tempo sembrava non mi appartenesse.

Ruth è con me ma già so che come varco la soglia lei scompare.

Ed io la cerco ugualmente, ho bisogno che mi aiuti a ricordare. Non i posti dove siamo state insieme. Ma le vite vissute in pochi istanti, la spensieratezza e l’ allegria immotivata. Non siamo state in nessun posto, abbiamo vagato con il pensiero, ci siamo allontanate troppo. Un rintocco in piazza proveniente dal campanile ci riconduce all’ ora.

L’ ora del percorso all’ inverso, l’ ora del rientro a casa. Per me, solo per me.

Ruth, appena sulla soglia di casa, sparisce.

Mi ha promesso che tornerà stasera, se avrà tempo, dopo i piatti lavati, la biancheria stirata e riposta nei tiretti, dopo i miei starnuti, un morso ad una mela e un grissino, un sorso di rosso.

Tornerà per guardarmi mentre dipingo una tela. Io non so dipingere, ma lei sì e forse lo farà per me. Ed io riuscirò a far tacere questa voglia di piangere che mi prende all’ improvviso .

Un desiderio irrefrenabile di marmellata mi porta lontano da ogni altro pensiero.

Ruth mi osserva e mi dice che stasera i miei occhi non bruceranno.


Rosetta Sacchi 12/06/2018 20:08 248

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi

Nota dell'autore:
«I nomi che ricorrono nel racconto sono di pura fantasia.»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

bellissimo!!! (Rasimaco)



Vedi i racconti di Rosetta Sacchi:
nella categoria:
dell'anno:











Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Biografie e Diari
I sogni di Rebecca (2)
I sogni di Rebecca (1)
Piove
Pixy
Giugno
Poe e Pro
Ruth
Il giocattolo rotto
Parlo per me
All’incirca a mezzanotte
La giusta interpretazione
Sono passati trentatrè anni
La sfida
Ancelle dell'anima
L'intangibile
Per te ho scelto l'indaco
Non ci resta che vivere
Il viaggio di ritorno è sempre più lungo
La maschera
Il colore viola
Non è un pensiero che ti spinge ad aprire un foglio di word
La presenza
Un giorno qualunque
Paura del buio
La prima volta
A spasso sul web
Ma dov'è la storia in questo racconto?
Lettera a mio padre
Sempre e solo caramelle
L'inspiegabile
Scelsi il silenzio
Non voglio mai più sentirmi sola
Fantasy
Ascoltando Adrian von Ziegler
Iris, ti va di fare un giro sulla ferrari?
La stanza degli ingegneri

Poesie


Premio Scrivere 2017
Io so dove si nascondono i sogni Introspezione (“I sogni si nascondono nei silenzi della notte” Khalil Gibran) Secondo premio
Le tue lacrime sono baci Amore (“Nessun cuore ha mai provato sofferenza quando ha inseguito i propri sogni.” Paulo Coelho)
Passate stagioni Tema Libero
Premio Scrivere 2016
La Misericordia, stile di vita… L’Anno Santo della Misericordia (Spirituale) (Spirituale)
Così io penso il verso La poesia e il Poeta (Impressioni)
La voce d’un albero La Terra, culla della vita (Natura) Premio speciale della Giuria
Nel silenzio del mattino Poesia a tema libero
Premio Scrivere 2015
Distanti, mentre diamo un nome al tempo Oltre le distanze (Amore)
Solo apatia Poesia a tema libero
Premio Scrivere 2014
Perché non torni Tema Libero
Premio Scrivere 2013
Se questo amore fosse un canto libero Tema libero


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it